Regolamento Escursioni sezionali

                                                                                                                                   

 REGOLAMENTO ESCURSIONI UFFICIALI

 

Il seguente regolamento ha lo scopo di stabilire alcune regole utili per la buona riuscita di una escursione.

Ad una prima lettura potrebbe sembrare un elenco di regole ed imposizioni di tipo “militare”, ma occorre riflettere un attimo e pensare alla complessità ed ai pericoli potenziali di una escursione con tanti partecipanti, non tutti con la stessa preparazione fisica ed esperienza, ognuno con proprie peculiarità caratteriali.

I partecipanti alle escursioni ufficiali dovrebbero poi ricordare che gli organizzatori prestano il loro servizio di puro volontariato, mettendo a disposizione il loro tempo libero.

Detto tutto ciò passiamo al regolamento, che coincide in massima parte con quelli adottati dalle principali sezioni CAI Italiane.

 

 

Articolo 1: PARTECIPANTI

a. La partecipazione alle escursioni ufficiali è aperta a tutti i soci in regola con l’iscrizione dell’anno in corso.

A scopo promozionale possono partecipare anche i non soci, ai quali è comunque consigliabile l’iscrizione.

b. I minori di anni 18 devono essere accompagnati da una persona maggiorenne (genitore o chi ne fa le veci), regolarmente iscritta all’escursione.

c. La Commissione Escursionismo, tramite il Responsabile dell’escursione o un Accompagnatore, può stabilire, sulla base di proprie valutazione tecniche e/o organizzative, di limitare il numero

di partecipanti.

Articolo 2: OBBLIGHI DEI PARTECIPANTI

a. La partecipazione all’escursione comporta la conoscenza integrale e l’accettazione incondizionata al presente regolamento.

b. Ciascun partecipante, prima di aderire all’escursione, deve informarsi sulle difficoltà tecniche e valutare l’opportunità di parteciparvi, in base alla propria condizione fisica e deve essere in possesso di attrezzatura tecnica adeguata alle difficoltà dell’escursione.

c. Mantenere un atteggiamento di massimo rispetto dell'ambiente che si attraverserà, a prescindere che si tratti, o meno, di un'area protetta. In particolare:

- non devono lasciare rifiuti di alcun tipo (sia biodegradabili che non);

- non devono raccogliere fiori;

- non devono raccogliere funghi, se non in possesso di apposita autorizzazione.

d. Durante l’escursione i partecipanti devono:

I. Attenersi in modo scrupoloso alle disposizioni degli Accompagnatori e/o dei Coordinatori

II. Rimanere in gruppo, evitando di deviare dai percorsi stabiliti, di sopravanzare l’Accompagnatore, al fine di evitare lo sfaldamento del gruppo, nonché possibili errori di direzione.

III. Osservare un comportamento disciplinato nei confronti degli Organizzatori e degli altri partecipanti, nel rispetto dei principi dell’etica escursionistica.

IV. Usare la massima prudenza, specialmente su percorsi esposti e pericolosi, evitando di compiere azioni che possano mettere a rischio l’incolumità propria e altrui, collaborando cosi alla buona riuscita dell’escursione.

V. Non allontanarsi dal gruppo senza prima aver ottenuto il consenso dall’Accompagnatore.

Articolo 3: QUOTA DI PARTECIPAZIONE

La partecipazione alle escursioni da parte di non soci prevede il versamento di un contributo volontario di partecipazione alle spese sostenute dalla Commissione Escursionismo per esigenze tecnico-organizzative e per l’organizzazione del programma sezionale.

Ai soci sarà chiesto soltanto un contributo a rimborso delle spese sostenute dalla Commissione Escursionismo, in particolare quando si organizzano conviviali con il pranzo a cura dell’organizzazione e animate da musica e spettacoli di vario tipo.

 

Articolo 4: ORARI, PARTENZE, MEZZI DI TRASPORTO

a. Il ritrovo per la partenza avviene, con qualunque tempo, nel luogo e nell’orario indicati nel programma dettagliato dell’escursione, salvo diversa comunicazione ai partecipanti da parte dell’Accompagnatore.

b. I partecipanti possono comunque mettersi in contatto con gli Organizzatori per comunicare la loro eventuale assenza.

c.  L’escursione inizia nel momento in cui, giunti sul luogo della partenza, a piedi ci si incammina verso la meta programmata.

d. L’escursione termina quando si giunge al punto previsto di arrivo a piedi.

e. L’Accompagnatore può apportare variazioni al programma dell’escursione, o annullare la stessa, qualora necessità contingenti o condizioni atmosferiche lo impongano.

f. Il trasferimento al punto di partenza dell’ escursione avviene, di norma, con automezzi privati. Ciascun partecipante in possesso di mezzo proprio è tenuto, nell'ottica di una ragionevole e giusta rotazione, a metterlo a disposizione del gruppo anche allo scopo di ridurre al minimo il numero di auto ed i relativi consumi.

 

N.B.: Si Puntualizza che nel caso di trasferimento con macchine private, il CAI, il capo escursione ed i coordinatori respingono ogni responsabilità per eventuali incidenti che dovessero verificarsi durante i trasferimenti stessi, intendendosi l'escursione iniziata e terminata (vedi punti c e d art. 4 del presente regolamento)  rispettivamente nel momento in cui si abbandonano e si riprendono gli automezzi.

 

Articolo 5: CAUSE DI ESCLUSIONE DALL’ESCURSIONE

a. L’Accompagnatore ha la facoltà di escludere dall’escursione coloro che:

- Siano sprovvisti dell’equipaggiamento minimo necessario, indicato nel programma dettagliato dell’escursione.

- Palesino un precario stato di salute.

- Non si attengano alle disposizioni dell’ Accompagnatore.

- Mettano a repentaglio la propria sicurezza o di altri, compiendo gesti avventati e irresponsabili.

- Decidano di abbandonare il gruppo volontariamente, alla presenza di testimoni, per seguire un percorso diverso da quello stabilito dall’Accompagnatore.

b. L’esclusione dall’escursione comporta la perdita della copertura assicurativa e solleva l’Accompagnatore da qualsiasi responsabilità nei confronti dell’escluso.

 

ESTRATTO COPERTURA ASSICURATIVA

Il Club Alpino Italiano attiva direttamente dalla sede centrale  una polizza assicurativa molto conveniente e  ideale per chi vuol praticare le attività organizzate dalle Sezioni in modo da tutelare il proprio patrimonio.

Infortuni Soci: assicura i Soci nell’attività sociale per infortuni (morte, invalidità permanente e rimborso spese di cura). E' valida ESCLUSIVAMENTE in attività organizzata.

Viene attivata direttamente con l’iscrizione al CAI.

Per maggiori informazioni sulla copertura assicurativa CAI clicca qui.